COS'E' IL TRAINING AUTOGENO?

Nell’individuo come costruttore di conoscenza e di significati non è possibile scindere il pensare dal sentire, per questo l’esperienza sensibile ed emozionale della corporeità non può essere percepita in modo separato dalla nostra mente.

Talvolta, il sovraccarico emotivo o fisico che percepiamo in situazioni particolarmente stressanti, può farci sentire disconnessi dalle nostre sensazioni corporee; ma se ci ascoltiamo più attentamente, possiamo ricreare una comunicazione interna più fluente, ritrovando consapevolezza dei nostri stati psico- corporei e di quali lenti abbiamo sviluppato per guardare il mondo.

Il Training Autogeno è una tecnica di rilassamento ideata e sviluppata dal neurofisiologo, psichiatra e psicoterapeuta tedesco J. H. Schultz agli inizi del ‘900.

A partire dalle tecniche ipnotiche ed in particolare dalle ricerche sul sonno di Oskar Vogt, Schultz mise a punto una tecnica che, a differenza delle precedenti metodiche, attribuiva al soggetto un ruolo molto piu' attivo e indipendente dal terapeuta nel raggiungimento dello stato di rilassamento.

Cosa significa Training Autogeno?

“Training” sta per allenamento, ovvero preparazione metodica e graduale.

“Autogeno” sta per “distensione che si genera da dentro”, ovvero stato di rilassamento che si verifica spontaneamente nel soggetto a seguito di esperienze vissute durante l’allenamento, guidato dal soggetto stesso e quindi consapevole.

Attraverso il Training Autogeno è possibile immergersi in uno stato di completa distensione fisica e psichica; questo stato di rilassamento profondo interessa la dimensione muscolare, percettiva ed emozionale, consentendo alla persona di accedere alle risorse che possiede e di utilizzarle per fronteggiare al meglio qualsiasi situazione di stress.

In cosa consiste la pratica del Training Autogeno?

La tecnica consiste in una serie di esercizi di concentrazione che si focalizzano su diverse zone corporee, allo scopo di ottenere un generale stato di rilassamento.

Il principio alla base del Training Autogeno è il concetto di Ideoplasia, ossia immaginare e rappresentarsi mentalmente stati di calma, di pesantezza, di calore, induce realmente, con opportuno “allenamento”, i suddetti stati, producendo modifiche corporee che a loro volta influenzano la sfera psichica ed emotiva dell’individuo.

Attraverso l’applicazione di esercizi strutturati, lo stress viene ridotto intervenendo sulle varie tensioni muscolari, migliorando la funzionalità degli apparati cardiocircolatorio, respiratorio, muscolare, fino ad agire sulla regolazione del ritmo sonno- veglia.

Il Training Autogeno agisce sia a livello top down (dalla mente al corpo) che bottom up (dal corpo alla mente), producendo stati di benessere che si estendono all’intero organismo.

Può essere praticato da adulti e bambini a partire dai 10 anni circa, non solo in caso di situazioni stressanti conclamate ma anche in un’ottica di prevenzione.

 

Esercizi del Training Autogeno:

1° Esercizio della Pesantezza

2° Esercizio del Calore

3° Esercizio del Cuore

4° Esercizio del Respiro

5° Esercizio del Plesso Solare

6° Esercizio della Fronte Fresca

 

I benefici del Training Autogeno: 

  • Rilassamento e autoinduzione di uno stato di calma

  • Recupero energie fisiche e psichiche

  • Introspezione e autocontrollo

  • Gestione di situazioni stressanti

  • Trattamento disturbi del sonno

  • Controllo di disturbi psicosomatici (gastrite, colite, cefalea, tachicardia, ecc.)

  • Controllo di stati ansiosi e fobie

  • Gestione del dolore cronico

  • Gestione del ciclo mestruale doloroso

  • Preparazione al parto

  • Miglioramento delle prestazioni (sportive, lavorative, scolastiche ecc.)

 

Applicazioni del Training Autogeno fuori dal setting terapeutico:

  • Durante la gravidanza e nel post parto

  • In ambito aziendale, e in qualsiasi contesto lavorativo di gruppo

  • In ambito scolastico, per favorire la coesione nel gruppo classe e diminuire l’ansia da prestazione